Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Carmen di Zeffirelli all’Arena di Verona: tra classicità e novità nella scenografia

di Gabriele Isetto L’Arena di Verona rende omaggio al maestro Franco Zeffirelli riproponendo uno dei tanti suoi capolavori, la Carmen di Bizet, la cui regia è stata ripresa da Stefano Trespidi che ha curato l’allestimento in ogni particolare così com’era stato voluto da Zeffirelli. Pur non dando una particolare lettura personale alla partitura il maestro e direttore musicale del festival per la stagione Marco Armillato dirige l’orchestra di Fondazione Arena in maniera brillante e con gli adeguati adattamenti ai colori della Carmen , rendendone l’essenzialità e dando il giusto risalto ai cantanti. A differenza dello scorso anno in cui il coro era seduto sui gradoni dell’Arena a causa delle restrizioni dovute alla pandemia, fortunatamente quest’anno l’ottimo coro con eccellenti voci, guidato da Ulisse Trabacchin, torna a cantare sul palcoscenico cosa che, anche visivamente, è stata più appetibile per il pubblico. La Carmen è una storia d’amore, gelosia e morte ed è ricca di personaggi ch

Ultimi post

Il turco in Italia al Carlo Felice di Genova: un teatro nel teatro

Il Rigoletto che rispetta Piave e Verdi

Roméo et Juliette: un ottimo cast ma una bruttissima regia

Più che un malato immaginario, un malato confusionario

Minchia signor tenente: in ricordo di Falcone e Borsellino

Zio Vanja: la scenografia al servizio delle parole

Il fantasma di Canterville rivive in uno spettacolo itinerante

Successo per l’Enrico IV di Pirandello nell’anno del centenario

Le innovazioni registiche di Davide Livermore non hanno stravolto la Manon Lescaut di Puccini

Risate assicurate con Enzo Decaro in Non è vero ma ci credo di Peppino De Filippo