Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Melo-logic: quando il pubblico decide il finale dello spettacolo

di Gabriele Isetto In Fortezza Vecchia a Livorno, luogo di cultura e di turismo, nell’ambito della terza edizione del Mascagni Festival 2022 è andato in scena uno spettacolo molto particolare che abbatte completamente la quarta parete pirandelliana. Stiamo parlando di Melo-logic della cooperativa artistica LaCorelli di Ravenna che in questa proposta unisce più generi: una via di mezzo tra una escape room e una cena (in questo caso spettacolo) con delitto dove il pubblico stesso, attraverso lo smartphone, pilota l’andamento della storia ma soprattutto il finale che ovviamente in questo articolo non viene spoilerato. Ovviamente trovandoci nell’ambito del Mascagni Festival, sia la trama dello spettacolo che la musica, ben eseguita dal vivo dall’Ensamble Tempo Primo, attingono dal repertorio mascagnano. In scena vediamo solamente due attori bravi e molto dinamici che, in circa quaranta minuti di spettacolo,   “invitano” il pubblico ad indagare con loro fino a scoprire l’assassino. Il commi

Ultimi post

Tosca: da Napoleone al fascismo

Carmen di Zeffirelli all’Arena di Verona: tra classicità e novità nella scenografia

Il turco in Italia al Carlo Felice di Genova: un teatro nel teatro

Il Rigoletto che rispetta Piave e Verdi

Roméo et Juliette: un ottimo cast ma una bruttissima regia

Più che un malato immaginario, un malato confusionario

Minchia signor tenente: in ricordo di Falcone e Borsellino

Zio Vanja: la scenografia al servizio delle parole

Il fantasma di Canterville rivive in uno spettacolo itinerante

Successo per l’Enrico IV di Pirandello nell’anno del centenario