Le stanze dei libri: la biblioteca prende vita


di Gabriele Isetto


Mercoledì 31 luglio a Livorno si è aperta la 34° edizione di Effetto Venezia e al suo interno, come ormai accade da ben dieci anni, la Compagnia degli Onesti ha presentato Le stanze che quest’anno hanno cambiato location e quindi nome diventando Le stanze dei libri svolgendosi presso la Biblioteca dei Bottini dell’Olio.

Emanuele Barresi
Il pubblico è accolto da un vetusto e tremolante bibliotecario (Emanuele Barresi) che svolge la funzione di Virgilio guidando gli spettatori all’interno della biblioteca dove magicamente le pagine di alcuni libri prendono vita. Il custode con la sua voce stridula e divertente esorta a ricordare la storia della città di Livorno attraverso alcuni autori e, il primo ad essere nominato, è Aldo Santini che molto ha scritto sulla città ed i suoi personaggi. Tra i tanti scritti viene presentata la biografia di Giovanni Emanuele Modigliani, deputato socialista, che all’epoca era molto più famoso del fratello Amedeo: tanti gli aneddoti che vengono raccontati.

Claudio Monteleone
Proseguendo il “viaggio” la raccolta di racconti di Riccardo Marchi dal titolo L’albero di cuccagna da vita al personaggio di Tagliagole che riuscirà a diventare uno dei “risiatori” nel 1911 il terribile anno dell’epidemia di colera grazie all’ottima interpretazione di Claudio Monteleone che, con la sua mimica e la sua gestualità, fa veramente rivivere il personaggio.

Stefano Santomauro e Alessia Cespuglio
Andando avanti Emanuele Barresi, sempre con la sua solita verve, si imbatte in un volumetto dal titolo Sette commedie in un atto di Sabatino Lopez che racchiude un’opera giovanile mai rappresentata dal titolo Lei e lui. Mai rappresentata fino ad oggi perché dagli scaffali emergono i protagonisti di questa commedia, una grande attrice (la brava Alessia Cespuglio) e il suo spasimante (un divertentissimo Stefano Santomauro).

Claudio Marmugi
Anche quest’anno non poteva mancare la comicità dissacrante di Claudio Marmugi, il “pazzo” della biblioteca, che prende di mira un tema di grande attualità: il rapporto dei livornesi con la raccolta differenziata.
La regia di questo spettacolo itinerante è curata da Emanuele Barresi e tutti gli attori sono stati sapientemente truccati da Paola Gattabrusi mentre i costumi sono stati curati da Adelia Apostolico e realizzati dalla Costumeria Capricci.
Così si conclude questo appuntamento che come ogni anno non delude, per cui consiglio a tutti di spendere un’ora del loro tempo per vivere questa esperienza. Si ricordano gli orari: fino al 4 agosto alle 20.15 e 21.30

Commenti

Post più popolari